Festa Monini: Colori, suoni e sapori dell'Umbria

Block Header Festa

Vitamina E... lisir di giovinezza

Salute e benessere
21 Dicembre 2012

Vitamina E... lisir di giovinezza




Nell'Extra Vergine di oliva, gli antiossidanti per non invecchiare

Fra i tanti pregi degli oli Extra Vergine di oliva vi è anche quello di essere naturalmente ricco di vitamina E. Una vitamina liposolubile presente anche, ma in minor misura, nella frutta secca a guscio, nei semi, in alcuni cereali, negli ortaggi a foglia larga, nell’avocado e nel kiwi. 

A che cosa serve 
La sua principale funzione è quella di proteggere i grassi dall’ossidazione, cioè dalla degradazione a cui vanno incontro a causa della presenza di ossigeno. E non è superfluo ricordar che i grassi sono costituenti principali della membrana delle nostre cellule e che la loro ossidazione è una delle principali cause del processo di invecchiamento dell’organismo. 

Il fabbisogno giornaliero 
Il fabbisogno di vitamina E è strettamente collegato all’apporto di altri nutrienti, ma orientativamente, l’Istituto Italiano per la Nutrizione suggerisce, per la popolazione media italiana, un livello giornaliero raccomandato intorno agli 8 mg al giorno. Due cucchiai di olio Extra Vergine di oliva consumato a crudo, forniscono, in media, più della metà di questo valore. Attenzione però, perché bollitura, frittura o cottura al forno, portano perdite a volte rilevanti del contenuto in vitamine degli alimenti! 

Dove si trova 
Ci sono molti altri alimenti che contengono vitamina E. In generale i semi, alcuni cereali, la frutta, gli oli vegetali con significative variazioni in quantità e qualità (esistono diverse forme di vit. E: alfa, beta, gamma e delta tocoferolo). Gli oli di semi, per esempio, ne sono molto ricchi, ma bisogna tenere conto di un altro importante fattore: la biodisponibilità. 

La biodosponibilità 
Un’ottimale protezione dall’ossidazione si ha quando il rapporto tra la vitamina E e gli acidi polinsaturi (acido linoleico e linolenico) è superiore a 0,79. E in molti casi tale rapporto è sfavorevole (negli oli di semi per esempio, varia tra lo 0.3 e lo 0.50), mentre nell’olio Extra Vergine di oliva è di 1.87. Ciò significa che la vitamina E presente nell’olio di oliva, è quasi tutta biodisponibile, ossia utilizzabile dall’organismo per proteggere le cellule dal processo di ossidazione. 

L’Extra Vergine di oliva: una marcia in più 
A questo pregio indiscusso va aggiunto che l’Extra Vergine possiede una marcia in più: è ricco di un’altra famiglia di antiossidanti (i polifenoli) che ne rafforzano ulteriormente le proprietà antiossidanti. 

Olio Extra Vergine GranFruttato

Scoprilo qui
Giovedì, Novembre 30, 2017

Premiata nella categoria “Best practice leadership di mercato”

Mercoledì, Novembre 29, 2017

Giocare, imparare e divertirsi al Museo dei Bambini di Roma

Giovedì, Novembre 16, 2017

presentato alla Camera dei Deputati il progetto Mò