Festa Monini: Colori, suoni e sapori dell'Umbria

Block Header Festa

Le strade dei vini

Sapori d'Umbria
09 Ottobre 2013

Le strade dei vini




La strada del Trasimeno, quella Etrusco Romana, la strada del Cantico e quella del Sagrantino… quattro strade che attraversano l’Umbria creando itinerari suggestivi alla scoperta dei preziosi vini e vitigni locali.

Al mite clima del Trasimeno, sui dolci pendii di Montefalco, fra i colli del perugino o sui Martani, tra le montagne e le valli dell’Orvietano o dell’Amerino… non c’è territorio in Umbria che non sia coperto da ampi vigneti che nel tempo della vendemmia si tingono di seducenti colori e profumi. I terreni argillosi e calcarei, le morbide colline che permettono un’ottima esposizione, la ricchezza delle acque nel sottosuolo e il mite clima dei laghi da sempre hanno favorito la coltivazione di ottimi vitigni autoctoni o d’importazione e la produzione di vini eccellenti. In queste terre la viticultura è una storia antica, risale agli Etruschi. E poi i Romani, e poi i frati benedettini… nei secoli, seppur con alterne vicende, la cultura del vino si è sempre mantenuta, anzi rinnovata. È la terra stessa che lo chiede, così ricca e così generosamente dotata di tutte le caratteristiche che rendono buono ogni suo frutto! E poi secoli di coltivazione, la storia, la cultura e la passione di esperti viticoltori hanno fatto il resto e oggi la piccola Umbria offre agli amanti del buon vino ben 11 Doc, cioè vini di qualità riconosciuta provenienti da piccole e circoscritte zone di produzione; e 2 Docg, il riconoscimento attribuito solo a quei Doc di grande notorietà internazionale come il Sagrantino di Montefalco e il Torgiano rosso riserva. Una produzione ricca ed eccellente che si raccoglie intorno a quattro aree enologiche, quattro strade dai bei nomi armonici ed evocativi come i loro superbi prodotti.

La strada dei Colli del Trasimeno, dal buon clima mitigato dal lago, ci conduce in un cammino, fra vigne coltivate ai margini di un bosco o di un uliveto, nei territori di Tuoro e Passignano, intorno a Castiglione del Lago, nel marchesato della Corgna o verso città della Pieve e Panicale, nelle terre del Perugino. Qui la Doc riconosciuta è proprio "Colli del Trasimeno" e i vitigni più pregiati e particolari sono il Gamay del Trasimeno, importato sembra nel medioevo, dal colore rosso, profumato, molto particolare e nettamente diverso da quello che si coltiva in Francia per il Beaujolais. Il Grechetto, invece, bianco, deve il suo nome all’aroma delicato che forse ricordava agli antichi i sapori e i profumi provenienti dal mediterraneo orientale. Ma, nonostante il nome, è un vitigno probabilmente autoctono, presente in tutta l’Umbria, con un acino chiaro e tondo e, in questa zona, con un grappolo corto, cilindrico e compatto.

La strada dei vini Etrusco Romana è la più antica terra da vino dell’Umbria. Si snoda tra Terni e Orvieto e tocca i territori di Amelia, Narni, Allerona, Alviano. Terre etrusche, poi Romane, attraversate dal Tevere che scorre tra colline di tufo, montagne boscose e verdi valli. È la patria di vini bianchi come l’Orvieto Classico, un bianco DOC con uve della zona ristretta della Valle del Paglia, o il Grechetto. Ma anche di rossi corposi come il Rosso d’Orvieto Doc, o l’elegante Lago di Corbara Doc o l’Amelia Doc, bianco, rosato o rosso.

La Strada dei Vini del Cantico attraversa un’area affascinante, pregna di una cultura secolare e al contempo di una natura viva, forte e generosa che circonda e abbraccia gli antichi borghi e i castelli disseminati lungo il cammino che da Perugia scende ad Assisi, fino a Spello e Cannara. Un’area enologica da cui provengono ben 5 Doc ( Assisi, Colli Perugini, Colli Martani, Torgiano e Todi) e una Docg, il Torgiano Rosso Riserva dal brillante color rosso rubino.

La strada del Sagrantino si snoda tutta intorno a Montefalco, Bevagna, Gualdo Cattaneo, Giano dell’Umbria e Castel Ritaldi. Un territorio verde e aperto, quasi completamente collinare, costellato di centri medievali di rara bellezza e armonia. Da qui, dai vigneti che si insinuano fin quasi dentro ai borghi, nascono il Montefalco doc che può essere rosso se prodotto con uve di Sangiovese e Sagrantino o bianco, da uve di Grechetto e Trebbiano, e il Sagrantino Docg, un rosso asciutto armonico prodotto dall’omonimo antico vitigno, probabilmente importato dai frati nell’alto medioevo che ne facevano uso solo durante le cerimonie religiose.

Giovedì, Novembre 30, 2017

Premiata nella categoria “Best practice leadership di mercato”

Mercoledì, Novembre 29, 2017

Giocare, imparare e divertirsi al Museo dei Bambini di Roma

Giovedì, Novembre 16, 2017

presentato alla Camera dei Deputati il progetto Mò