IL RITO DELL’ASSAGGIO

L’aroma di un olio racchiude il segreto della sua qualità.

Fruttato, erbaceo o di oliva con note floreali più o meno evidenti, dal sapore piccante, pungente o amaro più o meno intensi e persistenti. Ogni olio è diverso nel gusto, e la degustazione è uno dei fattori decisivi per cogliere queste sfumature e capire se è di qualità. La qualità non è soltanto la bassa acidità, perché un olio può avere una bassa acidità ed essere allo stesso tempo grossolano al gusto o addirittura difettoso. Né l’acidità va confusa con il pizzicore tipico degli oli freschi di molitura, i quali semmai sono amari e piccanti proprio perché ricchi di polifenoli, i potenti antiossidanti dell’oliva che costituiscono il maggior valore nutrizionale di un olio extravergine di qualità. L’acidità non è percepibile al gusto, ma è misurabile solo con un test di laboratorio.

Condotta da un team di assaggiatori professionisti, la prova di degustazione è coordinata da Zefferino Monini, garante di una qualità immutata nel tempo. Per scoprirne tutti i segreti, guarda il breve video del suo assaggio.

GUARDA IL VIDEO

Anche tu puoi diventare un esperto assaggiatore, lasciandoti guidare dai pochi passaggi che seguono e confrontando le tue sensazioni con quelle riportate nel dizionario sensoriale, alla scoperta dei pregi e dei difetti di ogni olio.

1/6

Versa un po’ di olio in un bicchierino tiepido e coprilo con un piattino o con il palmo della mano. Poi agita lentamente il bicchiere per lasciarlo sprigionare tutti i suoi aromi.